Blog

Segui tutti gli aggiornamenti dal Centro Diagnostico Nardi

06/04/2016

Terapia Aggregante per Prevenire la Trombosi


terapia_aggregante_per_prevenire_la_trombosi

DAPT STUDY: i pazienti a cui viene impiantato uno stent hanno più possibilità di prevenire la trombosi grazie a una terapia aggregante

DAPT study: I pazienti a cui viene impianto uno stent e che hanno preso due antiaggreganti piastrinici per oltre i normali 12 mesi, hanno una possibilità minore di sviluppare trombosi intra-stent, o di essere colpiti nuovamente da infarto. Vediamo come.

DAPT study: una terapia aggregante per prevenire la trombosi

DAPT study

"Sappiamo che la doppia terapia antiaggregante è essenziale per tutti i pazienti a cui viene impiantato uno stent coronarico al fine di prevenire la trombosi intra stent. Questo studio ha dimostrato che il beneficio continua anche quando i farmaci vengono essere presi per più di un anno ", ha detto Laura Mauri, principal investigator dello studio.

I ricercatori hanno constatato che i partecipanti allo studio che hanno preso l'aspirina più un altro tipo di farmaco anti-antiaggregante (clopidogrel o prasugrel) - per 30 piuttosto che 12 mesi dopo impianto di stent – avevano 0,5 volte meno probabilità di sviluppare thrombosis in-stent rispetto ai pazienti che hanno assunto la duplice terapia per 12 mesi, e poi proseguito con aspirina e placebo per 18 mesi (gruppo placebo), e riducevano di circa la metà il rischio di avere un nuovo infarto rispetto al gruppo placebo.

"Il DAPT (Dual Antiplatelet Therapy) Study è stato il primo e unico studio che ha confrontato la durata del trattamento con la terapia antiaggregante e che è stato adeguatamente dimensionato per rilevare un vantaggio sugli attacchi di cuore stent-correlati", ha detto Mauri, che è un cardiologo interventista presso il Brigham and Women Hospital, di Boston, Massachusetts.

Per prevenire la formazione di trombi intra stent, il trattamento standard prevede un doppio trattamento con aspirina e altri farmaci anti-antiaggreganti per 12 mesi dopo la procedura. Ciò che non era chiaro fino ad ora era se estendere questo trattamento combinato per più di 12 mesi potesse ridurre il rischio di trombosi intra stent o se potesse prevenire un re infarto o un ictus. La sicurezza di un trattamento a lungo termine è stata valutata anche in questo studio. 

Anche se sanguinamenti mortali o gravi erano più comuni nel gruppo farmaco rispetto al gruppo placebo, l'emorragia fatale è stata rara in entrambi i gruppi. Mentre i tassi di ictus e di mortalità per tutte le cause non sono stati ridotti estendendo il trattamento combinato, i ricercatori hanno notato in un'analisi secondaria, valutando i pazienti a 33 mesi, che la morte per qualsiasi causa era 0,8 per cento superiore (2,3 per cento vs 1,5 per cento) nel gruppo farmaci rispetto a quelli trattati con placebo: tale dato è stato attribuito a traumi e a cancro.

" Tuttavia, non vi era alcuna differenza nella comparsa di nuovi casi di tumore", ha detto Mauri. "Col senno di poi, sembra che ci sia stato uno squilibrio tra i gruppi nel numero di pazienti con cancro noto, prima dell'arruolamento nello studio. Presi insieme con i risultati di molti altri grandi studi di questi farmaci (oltre 60.000 soggetti in tutto il mondo) che mostrano nessuna differenza nella mortalità, sembra probabile che questo risultato è legato a uno squilibrio tra i due gruppi studiati."

DAPT study: i dati

DAPT study è un studio internazionale che ha arruolato in 5 anni 25.682 pazienti. 22.866 hanno ricevuto uno stent medicato e di questi 9.961 pazienti (età media 62 anni, circa il 25 % di sesso femminile, per lo più dagli Stati Uniti) sono stati randomizzati nell'analisi primaria.

I ricercatori hanno assegnato in modo casuale i pazienti a uno dei due gruppi. Lo studio si è svolto da agosto 2009 a giugno 2014, a più di 450 siti negli Stati Uniti, Canada, Europa, Australia e Nuova Zelanda. Limitazioni dello studio includono il fatto che comprendeva solo pazienti che erano noti per tolleranza a farmaci anti-aggreganti e il follow-up si è concluso dopo 33 mesi, anche se i dati dello studio suggeriscono che un trattamento più lungo può fornire benefici aggiuntivi.

Fonte: American Heart Association Scientific Sessions 2014.
 

I Servizi Offerti